Tu sei qui:Chi Siamo / Lo Statuto della Scuola

Lo Statuto della Scuola


Scarica lo statuto in formato PDF


1. Costituzione
Nel 1965, nell’ambito della Sezione di Milano del CAI, e’ stata costituita la Scuola di Sci Alpinismo Mario Righini, con sede presso la sezione stessa, il cui primo corso si e’ svolto nella primavera del 1966.
Hanno dato vita alla Scuola: Carlo Barassi, Franco Brambilla, Piero Contini, Gianfranco Casati Brioschi, Vittorio Dalla Porta, Gaetano De Luca, Franco Formaggini, Felice Fossati Bellani, Pino Gallotti, Fritz Gansser, Sandro Guasti, Roberto Manghi, Carlo Negri, Franco Olivero, Pino Calandri, Peppo Pasque’, Paolo Polese, Emilio Romanini, Luigi Rossari, Edoardo Sannazzaro, Franco Sironi, Otto Senoner, Ugo di Vallepiana e la Famiglia Righini.
La Scuola e’ intitolata a Mario Righini, sciatore alpinista scomparso, amico e compagno di gita dei fondatori, ed ha avuto per molti anni in Fritz Gansser ed in Emilio Romanini due maestri indimenticabili, di tecnica e di vita.


2. Scopi
La Scuola e’ costituita per diffondere la cultura e la passione per la montagna, in particolar modo quella invernale, per fornire a chi desideri praticare in sicurezza lo sci alpinismo una adeguata preparazione tecnica in tutti i suoi aspetti, per proporre un corretto indirizzo di etica alpina.
Tutte le attività sono improntate ai principi di diligenza, prudenza e perizia necessari a garantirne il loro miglior esito. La Scuola può organizzare, oltre ai corsi di sci alpinismo, altre attività ritenute utili al conseguimento degli scopi sopra esposti.


3. Rapporti con il Club Alpino Italiano
La Scuola e’ inserita nella struttura delle Scuole del Club Alpino Italiano e per il suo funzionamento segue le direttive della Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo (CNSASA), che tra l’altro regola i seguenti aspetti:

  • titoli degli Istruttori;
  • direzione della Scuola e dei Corsi;



4. Rapporti con la Sezione di Milano del CAI
La Scuola opera nell’ambito della Sezione di Milano del CAI e, pur essendo dotata di autonomia economica, e’ inserita nella gestione amministrativa della Sezione.
Ogni anno la Scuola presenta alla Sezione un resoconto delle attività.


5. Organi della Scuola
La Scuola viene gestita dai seguenti organi:

  • Comitato Direttivo: È composto dal Direttore della Scuola, dagli Istruttori Nazionali e dalle Guide Alpine facenti parte del Corpo Istruttori e dai Direttori dei Corsi. Viene convocato dal Direttore o da due dei suoi membri.
  • Direttore della Scuola: è nominato dalla Assemblea della Scuola su proposta del Comitato Direttivo e ratificato dal Consiglio della Sezione di Milano; resta in carica per tre anni e non può venire rieletto per più di due volte consecutive. Deve essere socio della Sezione di Milano del CAI. Può nominare un suo vicedirettore, che deve essere approvato dal Comitato Direttivo.
  • Direttori dei Corsi: sono nominati dalla Assemblea della Scuola su proposta del Direttore della Scuola; restano in carica per tre anni e non possono venire rieletti per più di due volte consecutive. Possono nominare un loro vicedirettore, che deve essere approvato dal Direttore della Scuola.
  • Direzione Operativa: è composta dal Direttore della Scuola e dai Direttori dei Corsi.
  • Assemblea della Scuola: è composta dall’Organico della Scuola. Solo però i membri del Corpo Istruttori hanno diritto al voto. Le decisioni sono prese a maggioranza dei presenti. Viene convocata dal Direttore della Scuola almeno una volta all’anno.
  • Segreteria: e’ proposta dal Direttore e nominata dall’Assemblea.



6. Organico della Scuola
È composto dal Corpo Istruttori, dagli Osservatori e dai componenti della Segreteria. La sua composizione è stabilita dal Comitato Direttivo, che può mantenere nell’Organico eventuali Istruttori non più in attività ed inserire anche altre figure di spicco particolarmente utili all’attività della Scuola.
L’opera delle persone costituenti l’Organico della Scuola e’ gratuita.
Eventuali rimborsi spese o facilitazioni potranno essere decisi dal Direttore.
Con l’accettazione della nomina tutti i componenti l’Organico della Scuola esonerano da ogni responsabilità la Scuola, la Sezione o il CAI per ogni conseguenza dannosa che dovesse loro stessi derivare dalla relativa attività.


7. Corpo Istruttori
Oltre agli Istruttori Titolati (nominati dalla Commissione Nazionale o Regionale), fanno parte del Corpo Istruttori anche gli Istruttori Sezionali.


8. Funzioni degli Organi della Scuola

  • Direttore della Scuola:
    • rappresenta la Scuola e cura le relazioni con gli organi della Sezione e della Sede Centrale del CAI;
    • sovrintende alla vita e alla attività della Scuola, curandone il buon funzionamento in ottemperanza ai principi del presente statuto, dandone l’indirizzo tecnico culturale;
    • è responsabile della gestione amministrativa della Scuola;
    • coordina il calendario delle Assemblee Istruttori e delle altre attività della Scuola;
    • approva l’organico dei Corsi ed il programma di uscite pratiche e lezioni teoriche:
    • coordina le attività di immagine, comunicazione e sponsorizzazione della Scuola (volantino, pubblicazioni sulla stampa, Web, accordi con gli eventuali sponsor);
    • assegna i compiti particolari (gestione materiali, gestione ARVA, Web, ecc.);
    • redige e presenta la relazione di fine anno alla Sezione.
  • Comitato Direttivo:
    • esercita funzioni di consulenza nei confronti del Direttore;
    • approva il rendiconto economico; + propone all’Assemblea i nomi degli Istruttori da inserire in organico;
    • esonera dall’organico gli Istruttori che non hanno più le condizioni di appartenenza;
    • propone all’Assemblea il nome del Direttore della Scuola;
    • revoca il Direttore della Scuola, i Direttori dei Corsi e la Segreteria per fondati motivi;
    • prende le decisioni a maggioranza dei suoi membri.
  • Direttori dei Corsi:
    • sono responsabili del regolare svolgimento del corso da loro diretto;
    • scelgono e organizzano le uscite pratiche;
    • affidano gli incarichi all’interno del corso;
    • gestiscono la contabilità del corso;
    • adempiono le formalità richieste dalla CNSASA (nulla osta e relazione fine corso);
    • decidono chi ammettere a ogni uscita (istruttori, allievi, aggregati).
  • Direzione Operativa:
    • coordina il calendario dei Corsi e delle Gite dell’Associazione Allievi;
    • decide l’indirizzo didattico dei corsi;
    • decide le lezioni teoriche dei corsi.
  • Assemblea della Scuola:
    • nomina il Direttore della Scuola e dei Corsi;
    • approva l’inserimento in organico degli Istruttori Titolati, Istruttori Sezionali e Osservatori;
    • prende tutte le decisioni necessarie al buon funzionamento della Scuola che non siano di competenza del Direttore della Scuola, del Comitato Direttivo e della Direzione Operativa.
  • Segreteria:
    • cura la corretta tenuta della contabilità della Scuola;
    • gestisce le iscrizioni degli allievi;
    • supporta i Direttori negli aspetti gestionali della Scuola, curando in particolare gli aspetti assicurativi.



9. Compiti degli Istruttori Titolati e Sezionali

  • vigilare sulla integrità degli allievi affidati alla loro guida, minimizzando i rischi della montagna durante lo svolgimento delle esercitazioni pratiche dei vari corsi;
  • svolgere con adeguata preparazione, durante le uscite, la didattica secondo i programmi stabiliti;
  • partecipare attivamente ad almeno un corso ogni anno;
  • partecipare alle Assemblee della Scuola;
  • partecipare agli aggiornamenti organizzati dalla Scuola e dalle Commissioni Tecniche;
  • seguire le indicazioni dei responsabili delle attività;
  • gestire con attenzione il materiale loro affidato.



10. Materiali
La Scuola è dotata del materiale adeguato allo svolgimento dei Corsi ed in particolare della necessaria attrezzatura di autosoccorso.
Tutti gli attrezzi e materiali di proprietà della Scuola affidati agli Istruttori ed Allievi dovranno essere tenuti con la massima cura ed i consegnatari risponderanno personalmente per perdite o danneggiamenti.


11. Rendiconto economico
La Scuola ha autonomia di gestione economica, pur essendo inserita nella gestione amministrativa della Sezione, e dispone liberamente delle somme ottenute mediante le iscrizioni ai corsi ed i contributi della Sezione.
Il Direttore e’ responsabile di tale gestione, che deve tendere al pareggio, considerando i contributi della Sezione.


12. Regolamenti della Scuola
La Scuola si dota di Norme e Regolamenti atti a coordinare le varie esigenze organizzative. Tali Norme vengono approvate dall’Assemblea su proposta del Direttore.


13. Associazione Allievi
Nell’ambito della Scuola e’ nata nel 1994 l’Associazione Allievi, che si propone di mantenere aggiornati gli ex allievi Righini (eccezionalmente di altre Scuole CAI), organizzando uscite di sci alpinismo con l’aiuto volontario di alcuni Istruttori della Scuola, uscite che rientrano tra le attività istituzionali della Sezione.
L’Associazione possiede uno Statuto ed un Regolamento, approvati dall’Assemblea della Scuola. Le uscite dell’Associazione Allievi si svolgono sotto la direzione di Istruttori Titolati facenti parte dell’organico della Scuola o, in casi particolari, di Guide Alpine; gli accompagnatori devono essere membri del Corpo Istruttori Righini.
Il coordinamento tra Scuola ed Associazione Allievi è curato dal Responsabile dell’Associazione Allievi, che presenta al Direttore dalla Scuola il calendario delle gite e delle attività dell’Associazione.
Il Direttore della Scuola non è responsabile per le attività dell’Associazione.
Compatibilmente con gli impegni dei corsi, gli Istruttori possono partecipare come capogita od accompagnatori alle uscite dell’Associazione Allievi.
Su richiesta dell’Associazione, la Scuola fornisce la massima collaborazione di tipo didattico, compatibilmente con lo svolgimento dei Corsi e delle proprie attività; mette a disposizione sia materiali per le gite e la didattica che istruttori per lezioni e attività di aggiornamento degli ex allievi.


14. Varie
Il presente Statuto entra in vigore a seguito di approvazione da parte della Assemblea della Scuola e di ratifica da parte del Consiglio della Sezione di Milano del CAI. Eventuali variazioni potranno essere apportate, su proposta del Comitato Direttivo della Scuola, con la medesima procedura.
Viene pubblicato sul sito Web della Scuola.




Approvato dalla Assemblea della Scuola il 29 ottobre 2009.


X
Loading