Tu sei qui:Didattica / ARTVA

ARTVA



UTILIZZO

La speranza di sopravvivenza, cioè di essere trovati in tempo utile mediante l'impiego degli ARTVA, dipende non solo dalle caratteristiche degli apparecchi e dalla rapidità e capacità dei compagni soccorritori, ma anche dal buon funzionamento degli apparecchi e dallo stato delle batterie che li alimentano.

Prima di iniziare una escursione, o di mettersi in moto per una operazione di soccorso, si deve provare il funzionamento di tutti gli apparecchi.

La procedura da adottare è la seguente.

    • Il capo comitiva fa disporre tutti i componenti in riga, ad intervallo di almeno un metro.
    • Fa quindi predisporre tutti gli ARTVA in ricezione, sul valore minimo.
    • Pone il proprio ARTVA in trasmissione e sfila lentamente davanti a tutti i componenti, per verificare se tutti gli apparecchi ricevono il suo segnale.
    • Completata questa verifica, fa disporre in trasmissione tutti gli apparecchi, ad esclusione del proprio, che viene commutato in ricezione sul valore minimo.
    • Avvia il gruppo, che gli sfila dinnanzi, mentre lui verifica la corretta emissione di tutti gli ARTVA e la corretta ricezione del proprio.
    • Riporta il proprio ARTVA in trasmissione e raggiunge i compagni.

Non sarà effettuato nessun altro intervento sugli ARTVA sino alla fine dell'escursione o dell'operazione di soccorso, salvo quelli necessari ad una eventuale ricerca.

ALTRI COMPORTAMENTI DA TENERE

ALLA PARTENZA
La verifica degli ARTVA va fatta sempre alla partenza, cioè alla macchina (prima di arrivare sulla neve) perché se ci fossero pile scariche si è in tempo a cambiarle (portarne, in auto, sempre un pacco nuovo) e se ci fossero ARTVA rotti o mal funzionanti è ancora possibile decidere di rinunciare o trovare un ARTVA sostitutivo (le scuole, ad esempio, ne hanno sempre uno o due di scorta).

DOVE METTERE L'ARTVA
L'ARTVA deve essere sempre indossato sotto tutti gli indumenti in modo che non possa essere eventualmente danneggiato in caso di travolgimento. Deve essere posizionato vicino al petto perché ciò influenza molto la fase di ricerca abbassando i tempi di disseppellimento. Non mettere l'ARTVA né nello zaino né nella tasca dei pantaloni, se si usa una salopette è possibile portarlo nella tasca frontale.

DURANTE LA GITA
Durante la gita mai spostare l'ARTVA dalla sua posizione di trasmissione. Nel caso si effettuino prove di ricerca (come nelle scuole e come tutti devono sempre fare) al termine bisogna ripetere la fase iniziale di verifica di accensione.
A volte, dopo una lunga pausa, ad esempio prima di una discesa, è buona norma che il capo gita verifichi solo la trasmissione degli ARTVA del gruppo.

AL TERMINE DELLA GITA
Al termine della gita, alle automobili o al rifugio non dimenticate di spegnere il vostro ARTVA, le pile hanno una lunga durata ma non sono eterne !

AVVERTENZA
Sono stati riscontrati casi di interferenza tra apparecchi ARTVA e telefoni cellulari.
E' quindi consigliabile spegnere il telefono cellulare durante tutta la gita e in particolare quando si effettua una ricerca con ARTVA. Potremo sempre accenderlo quando ne avremo bisogno.





X
Loading